fbpx
1227
post-template-default,single,single-post,postid-1227,single-format-standard,select-core-1.4,pitch-child-child-theme-ver-1.2,pitch-theme-ver-3.3,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,grid_1300,vertical_menu_with_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
Title Image

Comunicare ai tempi del Coronavirus: i nostri 10 consigli (+1)

Comunicare-ai-tempi-del-Coronavirus-i-nostri-10-consigli-(+1)

Comunicare ai tempi del Coronavirus: i nostri 10 consigli (+1)

Qual è la maniera più efficacie di comunicare ai tempi del Coronavirus? In questi giorni di confinamento a casa e di grande preoccupazione per l’emergenza sanitaria in corso potrebbe sembrare una domanda futile, non lo è sicuramente per gli imprenditori, i commercianti e i professionisti che con la situazione in atto vedono i loro business minacciati. Come era facilmente prevedibile, il blocco dei trasporti e lo stop alle attività commerciali non strettamente indispensabili si stanno traducendo in riduzioni importanti del giro di affari e in crisi di liquidità generalizzata. Un panorama non particolarmente rassicurante, che rende necessario correre ai ripari mettendo in atto una serie di azioni di comunicazione con l’obiettivo di limitare i danni e, perché no, di trarre “vantaggio” dalla crisi attuale.

Quello che è certo è che in periodi come quello che stiamo vivendo scegliere di bloccare le attività di comunicazione legate al proprio business non è una decisione saggia. La reazione, semmai, deve essere quella di elaborare una strategia adeguata, che tenga conto della situazione contingente e che permetta di mantenere il contatto con i clienti. Solo in questo modo, adeguando il più possibile l’oggetto e il tono della comunicazione al mood attuale, sarà possibile preparare il terreno in vista del tanto agognato ritorno alla normalità. Ancora una volta, è solo con la creatività e la capacità di reagire che si potrà mantenere la visibilità online e proteggere la propria attività.

Questo non significa continuare a fare tutto quello che si faceva fino allo scoppio dell’epidemia (sembra un’eternità, ma si tratta di poco più di 10 giorni!), ma ripensare le proprie strategie in funzione della nuova situazione.
Vediamo nel dettaglio un breve elenco di consigli che abbiamo pensato per questo momento, adatti a tipologie diverse di business:

 

10 CONSIGLI (+1) PER COMUNICARE IN MANIERA EFFICACE DURANTE LA CRISI CORONAVIRUS

 

1. Aggiorna subito i tuoi clienti sull’essenziale!

In questi giorni di restrizioni per le attività commerciali e imprenditoriali, la prima cosa da comunicare ai tuoi clienti è quella che può sembrare più banale: spiegare se la tua azienda o il tuo punto vendita sono operativi ed eventualmente quali modifiche ha subito il regime ordinario. Fai sapere se sei operativo, se al momento non puoi esserlo rassicura i tuoi clienti e cerca di mantenerti sempre in contatto con loro.

 

2. Adegua la tua comunicazione al contesto attuale 

La cosa meno indicata da fare nel momento attuale è quella di far finta di nulla e continuare a comunicare come lo si faceva fino a prima dello scoppio dell’epidemia. Siamo di fronte ad un evento che coinvolge pesantemente la vita delle persone, adeguarsi al contesto attuale è fondamentale per continuare ad essere seguiti dai propri clienti in questo momento. Un’idea? Condividi sui social i contenuti dedicati all’emergenza Coronavirus prodotti dalle autorità (regole da seguire, misure igieniche, consigli pratici), oppure notizie dedicate e inerenti magari al tuo settore di business, questo contribuirà ad associare i tuoi messaggi alle tendenze attuali, rendendoli più visibili.

 

3. Oggi più che  mai, utilizza tutti gli strumenti a tua disposizione 

Al tempo della comunicazione digitale gli strumenti a disposizione sono innumerevoli. Oggi più che mai è importante mantenere attivi (o attivare se necessario) i diversi canali. Soprattutto nel caso in cui la tua azienda o il tuo punto vendita sia chiuso, per restare in contatto con loro è fondamentale proporre ai tuoi clienti messaggi e contenuti attraverso diversi strumenti, dalla newsletter ai social fino al blog.

 

4. Condividi i momenti di vita attuale della tua azienda

La vita di tutti è cambiata in maniera drastica negli ultimi dieci giorni, racconta ai tuoi clienti come ti sei adeguato alla situazione. Se disponi di un punto vendita di qualsiasi natura ed in questo momento continui a mantenerlo aperto al pubblico, spiega le misure di sicurezza alle quali ti attieni, questo li aiuterà a sentirsi più sicuri.

 

5. Se il tuo punto vendita è chiuso, pensa all’online!

Se in questo momento sei costretto a chiudere la tua attività, approfitta per attivare (nel caso tu non l’abbia mai fatto) o potenziare (nel caso tu ne disponga già) un canale di vendita online. I dati di questi giorni confermano che la cifra di affari degli ecommerce stanno crescendo in tempi di chiusura obbligatoria per i negozi, quindi questa brutta situazione potrebbe essere un trampolino di lancio per il tuo business.

 

6. Hai un ecommerce? E’ il momento di spingere!

Se ricadi in questa categoria, probabilmente te ne sarai già accorto. Non potendo recarsi in nessun tipo di negozio che non sia un supermercato o un punto vendita di generi alimentari, gli italiani (ma non solo, ormai) stanno scegliendo di utilizzare sempre di più gli store online. Questo è il momento giusto per attivare un flusso di automation e inviare newsletter, per attivare una nuova campagna o aumentare il budget investito in Facebook Ads.

 

7. Rivaluta il tuo piano di inserzioni e campagne

Bloccare le inserzioni e azzerare il budget investito in Facebook Ads o in AdWords non è una saggia decisione. Fai un’analisi attenta e valuta bene gli obiettivi delle campagne in corso, blocca solo quelle che si riferiscono direttamente a servizi non disponibili al momento. Eventualmente, sposta i budget su contenuti di branding per mantenere alta la visibilità.

 

8. Se non hai contenuti freschi, approfitta per fare branding

Se il tuo business è fermo, per forza di cose vengono a mancare tutti quei contenuti “freschi” legati al quotidiano svolgimento dell’attività. Questo non deve essere un motivo per bloccare la comunicazione; approfitta per raccontare tutti gli aspetti del tuo lavoro non direttamente legati ai prodotti o ai servizi che offri: i valori che ti ispirano, i membri del tuo team, i legami che hai con il territorio, la visione che hai del tuo settore di attività.

 

9. Il tuo business è fermo al momento? Pensa a ripartire alla grande!

Esistono molte attività che in questi giorni non hanno alcuna possibilità di operare. Una buona idea ed un buon pretesto per raggiungere l’obiettivo primario delle attività di comunicazione in questo momento (mantenere il contatto con i clienti) è quella di inviare un coupon o un buono sconto da spendere quando tutto tornerà alla normalità.

 

10. Approfitta per curare quello che di solito tralasci!

Chiusi in casa a giornate ci ritroviamo a fare tutte quelle cose che per un motivo o per l’altro rimandiamo da anni. Fai valere lo stesso principio anche sul lavoro: approfitta per chiedere recensioni ai clienti, aggiorna le schede della tua azienda, del tuo negozio o del tuo ristorante sulle principali directory locali, aggiorna le foto sulla scheda Google My Business, sistema il database di contatti.

 

10 + 1. Non dare mai l’impressione di voler speculare sul momento attuale

Fare di tutto per mantenere viva la propria attività non significa speculare sulle difficoltà attuali. Non utilizzare toni drammatici o allarmistici, non modificare i prezzi o le condizioni per la consegna, non dare impressione di voler in qualche modo approfittare del momento per monetizzare.

 

 

Per dare il nostro piccolo contributo all’emergenza attuale abbiamo deciso di mettere a disposizione gratuitamente i nostri servizi e le nostre competenze a supporto delle aziende. Vuoi sapere cosa possiamo fare per te e prenotare una call? Scrivi a info@mentarossa.it 

Non ci sono commenti

Lascia un commento